sono stata Covid positiva
E ORA SOFFRO DI LONG COVID

PREMESSA

 

è difficilissimo per me riuscire a parlarvi di queste cose e premere il tasto INVIA che pubblicherà tutte queste mie parole 

 

quando ne parlo sento sempre frasi tipo:

poverina

mi dispiace

in bocca al lupo

spero che tutto si sistemi

ma dai, che torna tutto come prima!

non ci pensare neanche!!!

 

non è quello che provo io

 

ed è per questo che non ne parlo

queste frasi non aiutano

peggiorano semmai

 

la felicità è dentro di me, non nel mio corpo

 

e va ricercata anche se il corpo non è al 100%

e si può trovare comunque, anche se non ho a disposizione tutto il repertorio delle cose fattibili al mondo

 

quante storie hai sentito di sportivi che hanno perso un arto che però la vita se la divorano?!?!

 

non c’è da pensare a cosa perdi o a cosa NON puoi fare

ma c’è da pensare ai milioni di cose che puoi fare COMUNQUE

 

quindi…. io te ne parlo eh, ma facciamo un patto:

parliamo di sogni, non di sogni infranti, ok?

 

 

io voglio fare informazione

 

si sentono o leggono pochissime storie provenienti dall’interno della sfera Covid 

e la comunicazione è affidata solo ai numeri dei bollettini giornalieri

 

patetici numeri, freddi, che non riusciamo neanche bene a capire

 

io invece voglio raccontare la mia storia in modo che tu la possa capire

voglio raccontare la mia storia per fare informazione e spero che queste parole arrivino a te che non sai cosa succede a quei numeri dei bollettini

 

e anche a te, che stai come me, che hai un gran bisogno di sentirti in compagnia

 

iniziamo?

INIZIAMO!

stai per entrare tra le pagine di Beppe, il Caro Diario di una ex Covid positiva

 

 

03 marzo 2020

in tutta l’EmiliaRomagna ci sono 400 casi attivi malati di Covid-19 

(ora in EmiliaRomagna siamo 306.324 casi totali, per capirci)

 

il mondo è ancora normale

 

si va in pizzeria, al bar, al cinema, in discoteca

ci si bacia sulla guancia quando incontri un amico, o anche uno sconosciuto in realtà – cazzo, te lo ricordi?!

 

non sapevamo che una settimana dopo l’Italia – e poi il mondo – sarebbe cambiata irrimediabilmente

 

 

03 marzo 2020

io vivo da eremita sperduta sul cocuzzolo di una collina dove non arriva neanche Google Maps

ho 34 anni, sono felice, sana, vegana e vivo una vita salutare immersa nella natura

lavoro

pago le tasse

e faccio beneficenza

 

io e la mia maledetta misantropia!

 

lo schifo per il mondo mi fa fare sempre cose interessanti

 

anche da imbecille

ma dal cuore grande grande

 

 

03 marzo 2020 ore 21,00

inizia l’ultima riunione del comitato organizzativo di un evento di beneficenza, di cui faccio parte

 

mi ammalo di Covid-19

 

la storia qui si fa lunga, infinita – nel vero senso della parola – e l’ho raccontata ben benino in un altro articolo, questo qua: SONO STATA COVID POSITIVA pensieri estratti dalle pagine di Beppe, il Caro Diario di una Covid positiva

 

ma l’articolo finiva così:

ti voglio bene Beppe, grazie di avermi ascoltato per 72 giorni, ci vediamo di là, tra le pagine del prossimo Diario che probabilmente inizierà così:

“Caro Beppe, sono stata COVID positiva, ma ora sto bene”

 

 

 

03 marzo 2021, è passato un anno

“Sara come stai?”

“sono felice”  rispondo io  

 

sono ufficialmente una tossicodipendente

senza medicine sono praticamente nulla e anche con le medicine non è che la situazione sia poi così facile

 

hai presente quella infiammazione che mi teneva sotto scacco a maggio, post covid?

ecco, è ancora li

 

è aumentata

e non si fa trovare

e noi la stiamo cercando eh!

 

ma torniamo indietro, andiamo con ordine…

 

 

 

18 Luglio 2020 

mi si è abbassata la febbre e finalmente posso anche io girare per negozi e luoghi pubblici

lo scan test della febbre all’ingresso ora è negativo

 

posso iniziare i mie soggiorni benessere dentro e fuori gli ospedali e le cliniche private a caccia di esami specifici, visite specialistiche e cure sperimentali

 

l’iter è:

faccio una visita specialistica, il medico mi prescrive degli esami specialistici, poi torno dal medico con i risultati e mi prescrive una cura sperimentale – sperimentale sta per “non sappiamo se per te funzionerà, ma l’unica è tentare e vedere” – e mi spedisce da un altro medico specialista, che mi prescrive altri esami specialistici, poi torno dal medico e…. insomma così in loop

 

 

 

22 settembre 2020

sto meglio

un po’ si

non bene eh

meglio ^_^

 

sto facendo l’ennesima cura che in realtà, non funziona

prendo 85000 integratori di ogni genere

provo cure brevi

cure lunghe

mesi di speranza

in realtà qua non cambia niente

 

ma forse il gran caldo che si sta attenuando aiuta 

stiamo a vedere, io continuo a sognare un mondo bellissimo intanto ^_^

 

 

 

21 novembre 2020, ore 14.21

sono appena tornata a casa dall’ennesima visita

sono tornata a casa incazzata nera e sbattendo la porta di casa ho detto a mio marito: 

“BASTA! così non va! io devo far qualcosa!”

 

non per quello che pensate voi in realtà ^_^

 

io ormai sono abituata alla mia condizione da over 70 e la cosa non mi disturba, solo mi rallenta, ma non mi disturba

 

di sicuro non mi fa incazzare, ecco

 

sono tornata a casa incazzata perché la seconda ondata di Covid è ufficialmente iniziata

ci siamo dentro già da un paio di mesi in realtà, ma nessuno ne parla più

 

la situazione in ospedale è peggiorata

gli operatori sanitari si ammalano molto più di prima

sono pochi e rallentati dalle proteste e dal vandalismo dei negazionisti

 

assurdo

 

cazzo, ma fatti i cazzi tuoi no?!?

 

va bene, posso capire che pensi che sia tutta una bufala e che il covid non esiste e tutte le cose che vuoi, anche che la terra è piatta, va bene!

ma non mi rompere il cazzo a me che invece credo alle favole e ora sto combattendo contro la regina cattiva

 

lasciami stare

voglio trovare il mio principe

 

tu perché devi fare il vandalo, il criminale, e bucare le gomme ai medici?! 

o tirare le uova alle ambulanze?

o fare gli appostamenti fuori dai Pronto Soccorso?

ma cos’avete?!

 

i medici sono demoralizzati

vedono un mondo che sembra essersi scordato che loro stanno facendo straordinari su straordinari

non pranzano neanche il più delle volte, perché in quel quarto d’ora libero viene fissata una riunione organizzativa

 

io entro ed esco dagli ospedali e parlo con loro

e le storie che mi raccontano non mi piacciono, mi fanno arrabbiare

 

boia mondo me e la mia misantropia!!

 

comunque

ovviamente il medico non è riuscito a fare nessuna diagnosi sulla mia condizione, solo altre ipotesi e altri esami da fare

 

ogni volta entro in un ambulatorio con la speranza di capire cosa c’è

ogni volta che faccio un nuovo esame spero che il risultato mi dia una risposta, anziché altre mille domande

 

la cosa brutta è non sapere, non avere una diagnosi:

così è difficile anche sognare

 

non posso fare previsioni di alcun tipo e non so cosa posso o non posso sognare

io per esempio fra cinque anni mi vedrei molto molto bene a lavorare in una piccola isola nel sud della Spagna o del Portogallo, per trasportare i miei clienti in un mondo distaccato dove passare due giorni di introspezione e meraviglie….

 

e se io fra 5 anni non potessi più tatuare?

 

come faccio, senza una diagnosi, a capire cosa sono autorizzata o no a sognare?

 

e così la testa si logora in mille domande 

faccio finta di non ascoltarle

 

ma loro urlano

 

cazzo

 

ma non c’è fretta, succederà, un giorno uscirò da un ambulatorio con una risposta, ma nel frattempo vado a capire cosa diamine posso combinare per alzare il morale al personale medico, per fargli capire che non sono soli

 

che c’è ancora qualcuno che tifa per loro, da casa

in piedi sul divano, con gli striscioni e i cori da stadio anche

 

[post scriptum: qualcosa poi ho fatto eh! si chiama HEB ed è in regalo per tutti gli operatori sanitari d’Italia ^_^]

 

 

 

24 dicembre 2020

per fortuna che siamo in zona rossa e non possiamo vivere le festività

non possiamo festeggiare Natale o tutto il resto

niente parenti, perché son fuori comune

niente feste

niente tombola

niente

 

per fortuna perché io sto di merda

 

eh….. che palle!

 

son peggiorata

sono iniziati dei mal di testa lancinanti un mese fa, corredati di vertigini

e ora anche dolori articolari troppo forti da gestire

 

sono invalida, non riesco a far niente così

 

tutto il mondo intorno gira come una trottola e io invece vorrei solo scendere

o dar testate al muro, dipende

 

e … indovina Beppe?

le visite non dicono niente

gli esami non dicono niente

le medicine non fanno niente

 

e allora andiamo di cortisone, divento una tossicodipendente

non posso più far diversamente

 

poi, dopo le feste, continuiamo a cercare

 

ora riposo, faccio le vacanze nel divano con i film trash di Natale e le tisane calde

il camino acceso

un marito e tre cani

 

abbandono anche i sogni per un po’ perché anche il cervello è tornato ad essere un po’ lobotomizzato, come fossimo ad Aprile

 

 

 

03 Marzo 2021 

è passato un anno Beppe e non è ancora cambiato niente

l’infiammazione aumenta, ma non riusciamo a trovarne l’origine

perciò continuo con le mie vacanze in ospedale, conosco tante persone nuove, faccio chiacchiere e supposizioni, battute, rido un po’

 

vedo più medici che amici, senza dubbio!

ma almeno vedo persone ^_^

 

e prendo medicine

per qualche mese proviamo un set di pillole

poi cambiamo con un altro…

 

“Sara, ma cosa vuol dire invalida? cosa ti senti?”

“TUTTO” rispondo io “tu prova a pensare ad un sintomo ed io probabilmente ce l’ho”

^_^

 

emicrania, vertigini, dermatiti, problemi digestivi, gonfiore addominale, secchezza nasale, pesantezza, stanchezza cronica, male alle ossa, ai muscoli, ai nervi, alle articolazioni, muscoli contratti, insufficienza polmonare, tachicardia, pressione bassa, sono gonfia, tutta, gigante

 

l’anello di fidanzamento e la fede non penso riuscirò mai più a toglierli

 

e non riesco a tenere una matita in mano

 

ad un certo punto della giornata finisco le batterie, come un iPhone con batteria 1% mi spengo,

prima tremo però

e vorrei cadere dentro una poltrona e sprofondare lì, senza nemmeno la forza di tenere il collo dritto

 

anche le dita fanno fatica a muoversi sulla tastiera, anche adesso

 

è tutto più difficile da fare, ma non impossibile

avere il controllo del proprio corpo non è più una cosa così scontata insomma

 

sembra di essere in palestra con centinaia di kg da smuovere solo per poter muovere un dito

 

con la macchinetta da tatuare invece vado ancora bene ^_^ FORTUNA!!!

perché è grande e grossa e riesco a stringerla bene…. poi l’adrenalina per la felicità del mio lavoro mi fa fare qualunque cosa!

 

poi quando passa l’adrenalina, io mi fondo con il divano hihihihihihihihi

 

ma la vera domanda è……. “me ne frega qualcosa di tutto ciò?!?”

 

il mio corpo vuole le ferie?

ebbene diamogliele

 

la mia mente invece continua a viaggiare fottutamente bene!

e allora andiamo a spasso con quella ^_^

 

vorrei raccontarti di mille viaggi e mille cose da fare

e invece potrei solo raccontarti di tutti i viaggi mentali che mi sto facendo

i castelli e i regni incantati che creo

tutte le biblioteche, digitali e cartacee, che sto divorando

 

sto viaggiando dentro di me e costruendo bagagli che nessuno potrà mai togliermi:

la conoscenza

la determinazione

i sogni

 

oddio, in realtà l’Helzeimer potrebbe farlo, ma speriamo quello no dai ^_^

 

 

 

è passato un anno e volevo aggiornarti Beppe

 

il Covid non ti abbandona mai probabilmente

come la varicella o la mononucleosi, qualcosa in evitabilmente lascia

 

chi più e chi meno

 

il covid è l’ennesimo modo che la vita ci propone per cambiare

ancora

anche se magari non volevamo, chissà

e quel che avevamo prima non era poi così male, ecco

 

sti cazzi

 

cambiamo

 

apprezziamo il cambiamento come esseri antifragili

 

03 marzo 2021 è passato un anno 

e son felice, anche adesso

con affetto, ma sempre irriverente

S.

 

 

————————————————————————————————————————————————————————————————————————

 

post scriptum

15 marzo 2021

ho iniziato una nuova cura, lunga

ora mi sveglio la mattina e sporziono le 12 medicine che ne fanno parte, le divido per gli orari del giorno, come i settantenni

fra tre mesi rifaremo tanti test e staremo a vedere:

  • se gli esami saranno migliorati allora tutto questo è solo una piccola parentesi della mia vita dovuta agli scombussolamenti da Covid e piano piano tutto tornerà come prima
  • forse saremo ancora in un vicolo cieco, in stallo
  • o forse, se gli esami invece continuano a peggiorare vuol dire che non sarà solo una parentesi, ma il Covid mi avrà lasciato in regalo due malattie degenerative che ancora non conoscono cura, ma solo palliativi per il dolore

FIGO

 

in ogni caso la mia vita sarà stupenda e non mi preoccupo di nulla in realtà

spegnere i miei sogni sembra alquanto difficile

guarda te Stephen Hawking dove è arrivato stando su una sedia a rotelle e parlando con voce robotica!!!

 

il problema è per voi raga, perché se perderò l’uso delle mani, i prezzi dei miei tattoo nel frattempo lieviteranno a dismisura ^_^  vvb

 

post post scriptum

l’avete vista Antonella Ferrari a Sanremo?

 

io si, io ho pianto