: L’AUTOSTIMA : dove si compra?

: 07 febbraio 2k17 : @Salottino Rock :

oggi apertura dell’Agenda per gli appuntamenti nel mio studio a Sant New Mary City
pari all’esplosione di una bomba a mano in 58 mq

 

ore 8:50 apro gli occhi, 76 email

mi alzo, bevo e mi lavo la faccia, torno a letto:
85 email

in due mesi lavorativi, riesco a farne meno della metà

 

ok, prendiamo il cellulare e chiudiamo l’agenda
la Sabrina voleva chiudere anche lo studio.

Sono arrivata sta mattina in studio con un sorriso smagliante e appena varcata la soglia la Sabrina mi dice: “io fra un’ora vado in ferie, addio”

ah bene
partiamo bene

 

ora mi sto godendo un attimo di finta pace seduta e avvolta nella mia poltrona del boss
“comunque, alla fine oggi sono un po’ contenta, dai…”

oggi ho fatto un tatuaggio inserendo i toni del verde
e… vi dirò che mi piace pure

qua le gravità delle affermazioni fatte sono due, giganti:
IO ODIO IL VERDE   ^_^
ovunquesemprecomunque
sia su di me
sia sugli altri
sia messo da me che da altri
FINE DELLA STORIA .

in più, normalmente, non son mai contenta dei miei tatuaggi (o quasi)

non solo i tatuaggi… ovviamente neanche i quadri, i disegni, le bozze, i carboncini, gli acquerelli, gli acrilici, i graffiti, le calligrafie, gli olii…. altro??    TUTTO
non ho miei quadri in casa, infatti li faccio, li odio, li regalo ^_^

. AUTOSTIMA INESISTENTE .

 

autostima22.jpg

 

ma ho bisogno e necessità di esternare
di ricerca dell’inesistente perfezione
di studio del dettaglio e della leggerezza
di viaggiare per qualche ora in quel non-so-cosa parallelo a noi dove trovi le forme e i colori e i disegni e le magie… e le vedi solo tu

ed è bello portarle di-qua e provare a farle vedere anche agli altri

 

di poche creazioni son felice,
ma in ogni caso anche quelle hanno 8000 difetti e li cambierei e li rifarei tutti diversamente (nella mia testa)

oggi invece, un po’ son contente
leggermente

ovviamente il tatuaggio ha 1200 difetti e cambierei almeno 800 particolari, ma qualcosa mi ha soddisfatto
.strano.

soddisfazione parziale e momentanea

l’impossibilità di conciliare mille desideri in un unico punto, perché opposti
ma li vorrei tutti

vorrei mangiarmeli i colori, come faceva Van Gogh, se solo servisse a capirli
porca paletta

 

distrutta e felice in un viaggio che so che non finirà mai

intanto godiamoci il viaggio
e rispondiamo alla Sabrina va la, che fra un po tira fuori dallo studio anche a me


by Lady Sara

#stayrock
e ricordati che se ti è piaciuto l’articolo puoi condividerlo con i tuoi amici sui social cliccando nell’icona qua sotto