: da CARTOON ad AVANT-GARDE : ecco cosa è successo

sono nata e cresciuta dentro ad una libreria

e per la stragrande maggioranza della mia vita ho creduto alla favola che il mondo ci racconta…

 

devi essere perfetta come Barbie anche quando la tua vita farà schifo come quella di Cenerentola, poi verrà il Principe Azzurro a salvarti da Shrek e ti sposerai con quel gran figo di IronMan con in sottofondo il canto degli uccellini e dei Sette Nani … e infine…. Vissero tutti Felici e Contenti nell’Isola che Non c’è!!!

 

e invece non è vero ^_^

 

però io non lo sapevo e per 29 anni della mia vita ho seguito le strade create dai programmi automatici che il mondo aveva creato nella mia testa aspettando l’IronMan che mi avrebbe portato sul cavallo bianco nell’Isola che Non c’è

[che bellina io…]

tranquillamente seguivo quei programmi, anche apparentemente felice credo

ma con pagine su pagine del Mio Caro Diario che affermavano di vedere un mondo tutto diverso da quello che vedevano i miei occhi, chissà perché 

ma sai, siccome nessuno lo vedeva, era solo un bel film in programmazione dentro di me e la vita vera fuori andava avanti come doveva ^_^

 

MA INVECE NO

infatti un giorno Bambin Gesù mi ha tirato una tegola li, fra capo e collo, che non potevo non far altro che vederla

 

 

quindi:
avevo 29 anni e vivevo il mondo dei tatuaggi da 10 anni ma non avevo mai conosciuto i tatuatori, quelli veri

quelli appassionati, con una scintilla negli occhi e un incendio nel cuore e forse anche con una frana nell’anima

dopo un lungo apprendistato, nel 2014 tatuavo da due soli anni

che stile di tatuaggi facevo? CARTOON 

perché si, fin da piccina i programmi mentali che mi avevano installato funzionavano molto bene… e disegnavo tantissimo, ma disegnavo le favole che mi venivano raccontate

i cartoni animati o i fumetti o tutto ciò che era morbidone e dalle dimensioni stravolte, come per esempio i nomi dei maschietti delle mie cotte d’infanzia scritte super gonfie come nei graffiti ^_^ occhi giganti, bocche supemorbide e colori superfresh

come non avevo capito niente di me… di quale strada avrei preso per stare al mondo

(e non ridete voi !!! che con il senno di poi son bravi tutti i fare i saputelli !!!)

quindi, nel 2014 come da tutta la vita, disegnavo e tatuavo cartoni animati supermorbidi e colorati

Biancaneve, PeterPan, Alice nel paese delle meraviglie, Pisolo…. chi più ne ha più ne metta, io ero super felice di tanta morbidezza e tanti lieto fine!

 

a novembre 2014 è cambiato qualcosa: TUTTO

a novembre 2014 ho partecipato alla World Wide Tattoo Conference, una conferenza mondiale sul tatuaggio a cui hanno partecipato tra il pubblico più di 300 tatuatori che per tre giorni hanno ascoltato 8 tatuatori facenti parte dell’Olimpo degli Dei, che stavano sul palco a raccontarci parte della loro vita e parte della loro sapienza 

. il mondo di cristallo che per anni si era creato di fronte a me si è frantumato in millemila pezzi . 

ed è stata la ruspa più bella che potesse mai attraversare la mia vita

 

in quell’occasione ho conosciuto persone che vedono un mondo diverso da quello che si percepisce con gli occhi e si muove tra le regole societarie
e non hanno avuto paura di vivere seguendo quei piccoli bambini interiori che li hanno sempre guidati nella direzione giusta, quella giusta per loro

così, ho imparato che potevo vivere quelle migliaia di pagine del Mio Caro Diario anziché scriverle e lasciare il libro a pesare nel cassetto dei ricordi

 

due settimane dopo non sapevo più disegnare cartoon

 

Avevo accettato me stessa e avevo calato il velo, quel velo che non sapevo neanche di portare.
Avevo smesso di auto-nascondermi, smesso di auto giocare a nascondino con me stessa

e due settimane dopo, riuscivo solo a disegnare in questa maniera strana e non ben classificata che può solo rientrare nella categoria dell’Avanguardia

 

12933081_259276504e414219_7843101016303766659_n.jpg

 


l’Avanguardia è quella parte dell’esercito che sta davanti alla guardia,
quella parte dell’esercito che va avanti prima degli altri
va a farsi uccidere platealmente perché non era ancora il momento giusto per venir fuori allo scoperto, ma qualcuno il primo passo doveva pur farlo per tastare il terreno, o non si va mai avanti…
l’Avanguardia va a cambiare le carte in tavola e ad avvisare che qualcosa di nuovo sta arrivando

e spesso prende insulti e pugnalate

(Picasso ovviamente faceva parte dell’avanguardia, quel gran bel tronco di pino)

l’Avanguardia è un movimento artistico che cambia le regole del classicismo e per primo butta nuovi semi nei campi, sperando che crescano nonostante le condizioni climatiche avverse, nonostante un clima ottimo per far crescere altre cose

 

io il mio lo chiamo Avant-garde d’élite

perché è riservato ad una nicchia ancor più piccola di pubblico
è colorata e raffinata, non è trucida e violenta
parla di sogni ed emozioni, parla di forza d’animo 

e giganti prove superate o giganti sogni su cui iniziare a lavorare

parla di giganti
e non tutti al mondo sono giganti, ma i miei clienti si

 

 

by Lady Sara

#stayrock

 

se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe piacerti anche: entro in un libro, il tuo

e ricordati che se vuoi puoi condividere l’articolo con i tuoi amici sui social cliccando nell’icona qua sotto